Counseling

Il counseling consiste in una serie predefinita di incontri (di solito 10) con l’obiettivo di intervenire su una determinata area di approfondimento.
Se sei interessato e vuoi fissare un primo colloquio esplorativo contattami.

Il counseling professionale è un’attività il cui obiettivo è il miglioramento della qualità di vita del cliente, sostenendo i suoi punti di forza e le sue capacità di autodeterminazione.
Il counseling offre uno spazio di ascolto e di riflessione, nel quale esplorare difficoltà relative a processi evolutivi, fasi di transizione e stati di crisi e rinforzare capacità di scelta o di cambiamento.
È un intervento che utilizza varie metodologie mutuate da diversi orientamenti teorici. Si rivolge al singolo, alle famiglie, a gruppi e istituzioni. Il counseling può essere erogato in vari ambiti, quali privato, sociale, scolastico, sanitario, aziendale.

[Fonte: Definizione approvata dal Comitato Scientifico di AssoCounseling]

Che cos’è il counseling

Che cos’è il counseling e chi è il counselor? Potremmo definire il counseling una relazione d’aiuto il cui obiettivo è dare sostegno a chi si trova in un momento di difficoltà o di disagio. In questa relazione, il counselor è colui che fornisce il proprio supporto, accompagnando il cliente nella soluzione della situazione di crisi e/o nello sviluppo di un processo decisionale difficile. A differenza della psicoterapia, dunque, il counseling non ha l’obiettivo di andare a scavare nel passato del cliente, né di ristrutturare la sua personalità a partire dal presupposto che l’origine del suo malessere sia al tempo stesso molto antica e fortemente strutturata nel suo carattere, ma si propone più semplicemente di accompagnare la persona nella soluzione di un problema attuale. Rispetto alla psicoterapia, il counseling è dunque un intervento meno profondo e radicale, e più limitato nel tempo.

[Fonte: Monique Mozrahil]